Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’Ambasciatore

S.E. Arturo Luzzi

Arturo Luzzi è nato a Taranto il 6 giugno 1961.  Laureatosi con lode nel 1983 in Scienze Politiche, presso l’Università Cesare Alfieri di Firenze, entra in carriera diplomatica il 14 febbraio 1987 ed inizia il suo percorso professionale alla Farnesina all’Ispettorato Generale.

A luglio 1989 viene destinato ad Addis Abeba dove assume le funzioni di Capo della Cancelleria consolare dell’Ambasciata d’Italia. Ad agosto 1992 si trasferisce presso l’Ambasciata d’Italia a Rabat con l’incarico di Capo dell’Ufficio economico-commerciale e della cooperazione allo sviluppo.

Di rientro a Roma a gennaio 1997 presta servizio quale Capo della Segreteria della Direzione Generale per le Relazioni Culturali.

Prosegue la sua carriera all’estero ad agosto 2001 presso l’Ambasciata d’Italia a Tripoli con le funzioni di Vice Capo missione e torna alla Farnesina a giugno 2005 presso la Direzione Generale dei Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente, con l’incarico di Capo dell’Ufficio Maghreb. Dopo la nomina nel gennaio 2009 a Ministro Plenipotenziario, diviene Coordinatore per i Paesi del Maghreb ed in seguito assume incarichi alle dirette dipendenze del Direttore Generale per gli Affari Politici e di Sicurezza.

Da maggio 2011 è Ambasciatore d’Italia a Dakar (Senegal), accreditato con credenziali di Ambasciatore anche a Nouakchott
(Mauritania), a Banjul (Gambia), a Ciudade de Praja (Capo Verde), a Bamako (Mali), a Conakry (Guinea) e a Bissau (Guinea Bissau).

A febbraio 2016 torna alla Farnesina con l’incarico di Inviato Speciale del Ministero per i Paesi del Sahel. Da ottobre 2017 è Ambasciatore d’Italia ad Addis Abeba (Etiopia), accreditato con credenziali di Ambasciatore anche a Juba (Sud Sudan), a Gibuti (Gibuti) e presso l’Unione Africana (fino ad aprile 2018) e l’IGAD.

Dal 14 ottobre 2021 è Ambasciatore d’Italia in Costa d’Avorio, con accreditamenti secondari in Liberia e Sierra Leone.